Scuola e alimentazione, progetto alunni

Una mensa scolastica in una immagine di archivio ANSA

Intesa 3A Arborea e Ufficio scolastico su stili di vita corretti.

Far comprendere ai più giovani quali sono le corrette abitudini alimentari e di vita, stimolando l’attività fisica e sensibilizzandoli sulla sana alimentazione. E’ la chiave del progetto di Latte Arborea e dell’Ufficio scolastico regionale che coinvolgerà le classi terze, quarte e quinte delle scuole primarie dell’isola.
Il programma biennale si chiama ‘Felice di imparare, dal banco al campo: piacere, gusto e movimento giusto” e coinvolge le province di Cagliari, Medio Campidano e Sulcis: complessivamente 80 Comuni delle tre province, 123 scuole e 540 classi, circa 9.300 alunni e 1.070 insegnanti.
L’accordo è stato sottoscritto dal presidente della 3A Latte Arborea, Gianfilippo Contu, e dal direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale per la Sardegna, Francesco Feliziani.
“Riteniamo che lo sviluppo economico che abbiamo avuto negli anni con la Cooperativa 3A sia dovuto in gran parte al consumatore sardo – dice Contu – Siamo convinti che sia giusto ridistribuire al territorio parte del valore che la Sardegna ci ha dato, e lo vogliamo fare in un modo corretto: partendo dalle scuole. La nostra struttura mette a disposizione 9 figure professionali con 4 nutrizioniste altamente qualificate che operano nelle scuole per portare avanti il progetto”.
“Oggi rinnoviamo un accordo che portiamo avanti con orgoglio da tanti anni ed è uno di quelli a cui teniamo di più – osserva Feliziani – avere un partner come la 3A, azienda sarda e cooperativa di livello, è importante perché è un operatore che investe in Sardegna le sue forze con modalità sostenibili, ben lontane dal sistema di profitto delle multinazionali – aggiunge – per noi è importante far capire agli studenti che è necessaria una dieta equilibrata perché le abitudini sbagliate si riflettono nel futuro dei giovani sia a livello personale che per la collettività”.

 

About the Author:

Rispondi