esamiIl ministro dell’Istruzione: tra le altre priorità edilizia scolastica, formazione insegnanti, semplificazione della normativa.

Il ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza non ha dubbi: “L’esame di maturita va cambiato”. Lo ha ribadito in un’intervista a “Io Donna”, insieme al suo “In bocca al lupo, ragazzi”, in vista della prova.

Maria Chiara Carrozza ha appena confermato, per il 2014, l’anticipo dei test d’ingresso universitari ad aprile, “come fanno gli altri Paesi, ed è meglio per risolvere i problemi organizzativi”. E ha aggiunto: “Bisogna ripensare sia l’esame, sia l’ultimo anno delle superiori”. Tra le altre priorità di Maria Chiara Carrozza, ci sono “l’edilizia scolastica, la formazione degli insegnanti, la semplificazione della normativa, la lotta alla dispersione scolastica e l’occupazione giovanile”. La digitalizzazione è ineludibile, ma non è al primo posto.

In quanto alle donazioni private, lei si è detta favorevole: non a caso, alla scuola superiore Sant’Anna di Pisa, dov’era rettore, aveva creato un fondo per le donazioni liberali. A “Io donna” il ministro ha parlato anche di come si è sentita in passato: “Una mamma imperfetta, che non cucinava le torte per le feste dei bambini e arrivava tardi a casa”. E ha parlato di sé: “Da piccola adoravo la Barbie, costruivo case, mi inventavo storie. Nei weekend andavo fuori con gli scout, un’esperienza straordinaria. Nel tempo libero ascolto molta musica classica per radio, Astor Piazzola, Adèle, Nina Simone. La sera? Non faccio niente, sono troppo stanca. A Pisa facevo pilates e correvo, ora è impossibile. Ma mi manca l’attività sportiva”. UN libro da far leggere a scuola? “Le confessioni di un italiano”, di Ippolito Nievo. E se sua figlia, che studia Lettere, facesse l’insegnante? “Ne sarei felicissima”, ha detto.

 

da: www.tmnews.it