margherita-hack1-480x330Presso l’ospedale di Cattinara, dov’era ricoverata da una settimana, s’è spenta la notte scorsa Margherita Hack, la famosissima amica delle stelle.

L’astrofisica italiana aveva dei problemi di cuore che si erano riacutizzati nell’ultimo periodo e l’avevano costretta al ricovero.

Nota in tutto il mondo per i suo importanti studi sul cielo, Margherita Hack era nata a Firenze nel 1922 e, trasferitasi a Trieste, era solita trascorrere il suo tempo nel ricovero segreto dove accudiva i suoi otto gatti e il suo cane. Ha diretto per oltre vent’anni l’Osservatorio astronomico triestino, riuscendo a farlo diventare di importanza internazionale; inoltre ha insegnato dal 1964 al 1992 all’Università.

Proprio a Trieste la donna ha deciso di farsi seppellire, chiedendo di non rivelare né il giorno, né l’ora della sepoltura; inoltre nessuna cerimonia religiosa sarà effettuata, proprio perché la donna è sempre stata una convintissima atea, al punto da formulare la frase “troppo comodo spiegare tutto con Dio“.

Nota al pubblico come grande divulgatrice scientifica, l’appellativo di “amica delle stelle” se l’era attribuito in una sorta di autobiografia pubblicata nel 1998. Margherita Hack si era laureata in astrofisica alla fine della seconda guerra mondiale, discutendo una tesi sulle Cefeidi, stelle pulsanti di primaria importanza nella rilevazione delle distanze tra le galassie.

Sposata con Aldo, conosciuto a Firenze quando aveva 11 anni, ha trascorso la sua vita con lui fino ad onorare un matrimonio durato per ben 70 anni. Dopo diverse collaborazioni e incarichi in varie università straniere, ottenne la cattedra di astronomia nell’Istituto di Fisica Teorica all’Università di Trieste. Nella sua casa, oltre ai tanto amati animali, sono presenti ben 24.000 libri che l’astrofisica ha deciso di donare alla città di Trieste. Della morte non ha mai avuto paura, nemmeno negli ultimi giorni: “quando ci sono io non c’è la morte – le piaceva ripetere – e quando c’è la morte non ci sarò io”.

Il Presidente Napolitano ha inviato alla famiglia della Hack il seguente messaggio diffuso dall’Ufficio Stampa del Quirinale: “Apprendo con commozione la triste notizia della scomparsa di Margherita Hack, personalità di grande rilievo del mondo della cultura scientifica, che con i suoi studi e il suo impegno di docente ha costantemente servito e onorato l’Italia anche in campo internazionale. Ella ha rappresentato nello stesso tempo un forte esempio di passione civile, lasciando una nobile impronta nel dibattito pubblico e nel dialogo con i cittadini. Partecipo con sinceri sentimenti di vicinanza al cordoglio di tutte le persone che l’hanno avuta cara“.

 

da: www.orizzontescuola.it