/, Estero, Eventi, Famiglia, Insegnanti, Leggi, News, Recensioni, Scuola Digitale, Scuole/Dove si può usare il cellulare a scuola?

Dove si può usare il cellulare a scuola?

Il liceo scientifico San Benedetto di Piacenza ha deciso di sperimentare il divieto all’uso dei telefoni cellulari grazie all’utilizzo di una custodia isolante in cui riporre i dispositivi .

Fa bene una scuola senza cellulari? Ecco come va nel primo liceo sconnesso italiano
Il tema dell’uso degli smartphone a scuola è all’ordine del giorno in tutto il mondo, ma la Francia è probabilmente l’unico Paese ad essersi dotato di una legge che proibisce l’uso del telefono cellulare a scuola dalle elementari alle superiori. La legge, che è entrata in vigore con il nuovo anno scolastico, consente solo eccezioni decise con regole interne alle scuole.

Fa bene una scuola senza cellulari? Ecco come va nel primo liceo sconnesso italiano

Una legge simile vale in Spagna, ma solo nella Regione Castiglia-La Mancia, dove è entrata in vigore nel 2014 e prevede la possibilità di usare gli apparecchi all’interno di progetti educativi.

 

In Australia nello Stato di Victoria il ministero dell’istruzione ha emanato una direttiva che non stabilisce regole precise ma che dice che le scuole dovrebbero scoraggiare l’uso dei cellulari in classe a meno che non servano a scopi educativi. Nel vicino Stato del Nuovo Galles del Sud è stata annunciata una ricerca che dovrebbe preludere a una decisione.

 

In tutto il resto del mondo la responsabilità di decidere sull’uso dei telefoni da parte degli studenti è assegnata alle singole scuole. Non ci sono statistiche precise su cosa prevedano i regolamenti scolastici. Una indagine tra 50 college statunitensi ha indicato che le norme restrittive, con o senza sanzioni sui trasgressori, prevalgono su quelle permissive e una buona parte delle scuole pubblica sul proprio sito la propria politica sull’argomento.

 

In Gran Bretagna il segretario per la cultura Matt Hancock ha detto di ammirare i presidi che proibiscono l’uso dei telefoni e che incoraggia questa soluzione, ma ha anche negato la possibilità di arrivare a una legge sul modello francese. In Danimarca i partiti al governo hanno tutti dichiarato di essere favorevoli a una discussione sul tema, ma non è stata proposta nessuna soluzione.

 

In Francia in realtà l’uso dei telefoni era già proibito durante le ore di lezione dal 2010. La nuova legge ha esteso il divieto a tutto l’orario scolastico, compresi gli intervalli tra una lezione e l’altra. Lo scopo non è solo quello di evitare la distrazione per i ragazzi durante le lezioni ma anche spingerli a tornare a socializzare di persona.

 

In Italia il ministro dell’Istruzione Giuseppe Fioroni aveva emanato nel 2007 una direttiva che vietava come in Francia l’uso dei telefoni durante le ore di lezione . La situazione è cambiata con l’adozione del Piano nazionale per la scuola digitale da parte della ministra Valeria Fedeli e l’emanazione all’inizio di quest’anno di un decalogo per l’uso dei telefoni cellulari a scuola.

Il decalogo promuove l’uso dei dispositivi digitali , ma lascia anche molta autonomia ai singoli insegnanti, stabilendo che “l’uso dei dispositivi in aula, siano essi analogici o digitali, è promosso dai docenti, nei modi e nei tempi che ritengono più opportuni”.

 

di: Paolo Magliocco

da: www.lastampa.it

LINK

By |2018-09-20T11:14:50+00:00Settembre 20th, 2018|Didattica, Estero, Eventi, Famiglia, Insegnanti, Leggi, News, Recensioni, Scuola Digitale, Scuole|0 Comments

About the Author:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.