Oggi vogliamo condividere le parole che la maestra Francesca Scaglione, autrice di @maestrainbluejeans, ha indirizzato alle colleghe e ai colleghi che lavorano nell’ambito del sostegno.

Sii forte che nessuno ti sconfigga, nobile che nessuno ti umili, e te stesso che nessuno ti dimentichi“.
Paulo Coelho

Tante insegnanti di sostegno mi scrivono per confidarmi le loro difficoltà relazionali con alcune colleghe di classe. Si sentono umiliate, non considerate, escluse…sole. Le comprendo, anche per me è stato così in passato, per molti anni, fino a quando ho preso consapevolezza che una persona può avere “potere” su un’altra solo se questa glielo concede.
Lavorando sulla propria autostima ogni insegnante di sostegno riuscirà ad “uscire dall’angolo” e fare la differenza per tutta la classe! Il cuore e le competenze delle insegnanti di sostegno possono davvero cambiare la scuola! Prendendo spunto dalle parole di Gandhi che diceva: “sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo” vi scrivo: insegnanti di sostegno, siate il cambiamento che volete vedere nella scuola, fate sentire la vostra voce!
Ricordate: “Se vuoi qualcosa che non hai mai avuto, devi fare qualcosa che non hai mai fatto.”

Ad oggi, gli insegnanti di sostegno faticano a trovare il giusto riconoscimento all’interno del mondo scolastico ma anche presso l’opinione pubblica. Fa pensare il fatto che il Ministro dell’Istruzione, qualche mese fa, abbia dovuto ribadire come queste figure sono insegnanti contitolari della classe a tutti gli effetti e non dedicati esclusivamente ad un allievo.
Proprio agli insegnanti di sostegno vogliamo esprimere un pensiero di gratitudine: se la scuola italiana è la più inclusiva d’Europa, buona parte del merito è vostro, della vostra competenza e della vostra passione. Grazie!

 

da: www.portalebambini.it

LINK