Vertice al ministero: da mettere a punto ulteriori misure sul reclutamento.

Importanti novità in arrivo per insegnanti e aspiranti tali. “Verranno a breve avviati concorsi nella scuola per circa 70mila cattedre che si sommano a quelli già avviati in questi mesi”. E’ quanto emerso al termine di una riunione al Miur tra il ministro dell’istruzione Marco Bussetti, il sottosegretario Salvatore Giuliano e i parlamentari di Lega M5S delle Commissioni VII di Camera e Senato. Durante l’incontro sono stati toccati tutti i principali temi dell’agenda di governo relativa alla scuola, comprese le nuove procedure di reclutamento.

Concorsi scuola, cosa cambia

La prossima settimana è previsto un nuovo incontro al Miur per mettere a punto ulteriori misure sul reclutamento, in particolare, come spiega il Miur in una nota, “l’eliminazione della prova preselettiva e l’aumento della quota di riserva per i docenti di III fascia che avranno maturato più di 36 mesi di servizio alla data del prossimo concorso per la  Scuola secondaria”.

NUOVA STAGIONE – Le nuove misure si inseriscono nel panorama di “una nuova stagione concorsuale“, aveva assicurato il Ministro nell’incontro coi sindacati dello scorso 8 aprile. Nell’occasione, affrontando il tema del precariato nel mondo della scuola pubblica italiana, il Ministro ha affermato che per il Bando dei docenti della scuola primaria e d’infanzia i posti disponibili saranno 16.959. Bussetti ha anche annunciato di aver chiesto al Ministero dell’Economia l’autorizzazione a bandire un nuovo concorso per la scuola secondaria, per un totale di 48.536 posti, di cui 8.491 sul sostegno.

da: www.quotidiano.net

LINK