I miliardi per la digitalizzazione delle scuole possono circolare: il ministro federale dell’Istruzione Anja Karliczek (CDU) ha firmato giovedì a Berlino il necessario accordo amministrativo tra governo federale e paesi. La “scuola del patto digitale” potrebbe entrare in vigore venerdì, ha affermato il suo ministero. I paesi sono felici che inizi. Criticato il FDP.

Nei prossimi anni, le scuole in Germania potranno richiamare più di cinque miliardi di euro per creare WLAN di proprietà scolastica, acquistare tablet interattivi, i cosiddetti smartboard, o acquistare tablet. Il denaro è anche destinato all’ulteriore formazione degli insegnanti affinché possano utilizzare i nuovi materiali didattici digitali.

“È fatto”, ha detto Karliczek alla cerimonia della firma. Spera che le prime scuole inizieranno a investire nel futuro digitale entro la fine dell’anno. In precedenza, i paesi avevano firmato l’accordo amministrativo. Con la firma del governo federale, possono ora pubblicare i rispettivi orientamenti di finanziamento, vale a dire le condizioni per la convocazione dei fondi. Le scuole devono richiedere la concessione attraverso i loro sponsor nei paesi.

Il presidente della Conferenza dei ministri dell’Istruzione e il ministro dell’Istruzione dell’Assia, Alexander Lorz (CDU), hanno espresso la sua soddisfazione: gli alunni devono essere preparati per il mondo digitalizzato. “La scuola del patto digitale è un elemento importante”. È contento che ora tutti gli accordi siano firmati e che le prime scuole possano beneficiare nel prossimo anno scolastico.

Le critiche arrivano dal FDP. È positivo che venga il patto digitale, ha dichiarato il vice presidente del partito Katja Suding, l’agenzia di stampa tedesca. Allo stesso tempo, ha rinnovato la richiesta di ulteriore supporto per le scuole, che avrebbe anche bisogno di soldi per i software di apprendimento, gli amministratori IT e le chiare regole sulla privacy. “Senza queste misure, il governo federale finanzierà una tecnologia del valore di cinque miliardi di euro, che è superata prima che possa essere utilizzata”.

Per il patto digitale era necessario un cambiamento della legge fondamentale, in modo che la federazione potesse rendere possibile questo sostegno finanziario diretto, sebbene l’istruzione sia una questione per i Länder. / Jr / DP / fba
di: Andrea Russo
da: www.youfocus.tv