C’è una disabilità invisibile, una limitazione che impone un diverso modo di vivere, ma che può essere superata anche grazie allo sport.

Da Oristano, in occasione della manifestazione “VOLARE OLTRE I LIMITI” parte un messaggio di inclusione e solidarietà che ha per protagonisti le nazionali italiane sordi di pallavolo, maschile e femminile vice campione olimpica. Le due nazionali, sono state impegnate in un convegno ospitato nell’aula magna del Liceo Scientifico e in due partite amichevoli giocate al PalaTharros con la Sandalyon Cagliari e con una rappresentativa isolana.

“La sordità è una disabilità invisibile e per questo forse ancora più difficile da conoscere e affrontare – ha spiegato Alessandra Campedellicoach della Nazionale Italiana femminile sorde -. L’attività sportiva può aiutare ad andare oltre i propri limiti, a essere più autonomi nella vita di tuti i giorni. C’è chi, grazie allo sport, ha imparato a crescere grazie alle nuove relazioni, chi per la prima volta ha imparato a viaggiare da solo”.

L’incontro, aperto dall’inno di Mameli interpretato dalle due nazionali e dagli studenti attraverso il linguaggio dei sordi, ha inaugurato la ricca giornata dedicata a sport e sociale, scuola e inclusione. A raccontare la sua esperienza, insieme ad Alessandra Campedelli, anche Angelino Frigoni che, dopo aver affiancato Julio Velasco alla guida della nazionale maschile pluricampione del mondo e d‘Europa, ha offerto la sua esperienza sportiva nella nazionale sorde.

Rispondendo alle tante domande degli studenti i due tecnici azzurri hanno svelato tecniche di allenamento e di comunicazione: “L’impossibilità di servirsi di feedback vocali durante le azioni crea difficoltà non indifferenti. In ogni allenamento, in ogni momento in cui siamo insieme dobbiamo cercare degli espedienti per comunicare senza la voce – ha spiegato Alessandra Campedelli -. Iniziative come questa di Oristano sono fondamentali per abbattere i muri. Noi riusciamo a farci conoscere e a far capire che abbiamo tante risorse e noi stessi possiamo essere una risorsa per gli altri”.

“Il messaggio che oggi parte da Oristano, come dice il titolo dell’iniziativa, è riuscire ad andare oltre i limiti grazie allo sport, grazie alle buone pratiche, all’impegno e agli insegnamenti che derivano dalla pratica sportiva – hanno detto il Sindaco Andrea Lutzu e l’Assessore allo Sport Francesco Pinna -.

Oristano è Città europea dello sport non solo per organizzare gare e competizioni, ma anche per proporre iniziative e modelli capaci di contribuire a una sana crescita sociale, all’integrazione degli individui e al superamento delle barriere. Abbiamo l’onore di avere le squadre nazionali e i loro allenatori che ci hanno aiutato tantissimo in questa direzione. Il loro incontro con gli studenti del Liceo scientifico è stato straordinario per capire cosa significa veramente fare sport, lontano dai riflettori, cercando di includere tutti, superando le disabilità. Gli atleti sordi che stiamo vedendo all’opera oggi sono un esempio: di serietà, di comportamento, di disciplina e di bravura”.

Tutti hanno il diritto di accedere alla scuola e di avere pari opportunità di apprendimento, grazie anche alla presenza di figure specializzate come gli insegnanti di sostegno. C’è sempre la necessità di fare in modo che tutti gli insegnanti siano portati a confrontarsi sul terreno dell’insegnamento anche a favore dei disabili e dei bisogni educativi speciali. Lo sport poi fa la sua parte: è trasmissione di valori e di rispetto, è darsi una mano all’interno della squadra. Oggi abbiamo un bell’esempio di cosa vogliano dire i valori sportivi”.

da: www.sardegnareporter.it