Dal 9 all’11 ottobre a Firenze la terza edizione della grande fiera dedicata a insegnanti, presidi ed esperti del settore: 180 gli eventi in programma e 200 le aziende pronte a svelare le ultime novità.

Aule con le pareti che si muovono, classi senza banchi e studenti che si trasformano in insegnanti. La scuola del futuro è già qui. Dal 9 all’11 ottobre alla Fortezza da Basso di Firenze torna Fiera Didacta Italia, il più importante appuntamento dedicato al mondo della scuola. Lo scorso anno furono almeno 23 mila gli insegnanti, presidi ed esperti del settore che presero parte a workshop immersivi, seminari e dimostrazioni per scoprire le tecniche più all’avanguardia di fare didattica. E quest’anno, per la terza edizione, dedicata a Leonardo da Vinci in occasione dei 500 anni dalla sua morte, si replica: saranno oltre 180 gli eventi in programma, con oltre 200 aziende pronte a svelare le ultime novità in tema di arredi e tecnologia scolastica.

“L’innovazione sarà al centro del mio mandato – ha annunciato il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, che sarà presente all’inaugurazione e che ha presentato l’evento oggi al ministero dell’Istruzione insieme a Cristina Grieco, assessora all’Istruzione e Formazione della Regione Toscana, Sara Funaro, assessora all’Università e Ricerca del Comune di Firenze, Giovanni Biondi, presidente di Indire, e Wassilios E. Fthenakis, presidente onorario di Didacta International – È importante fare formazione in modo allegro e creativo, in vista delle grandi sfide che ci attendono nei prossimi anni”. Per il neoministro al centro di tutto ci sono i giovani: “La loro volontà di cambiamento, in particolare per quello che riguarda l’emergenza clima, potrà salvare il mondo. Le visioni del passato non sono più adeguate, occorre ampliare le prospettive e ribadire l’idea di una scuola che non resta indietro ma guardare avanti”.
Tra le novità di quest’anno c’è proprio un’intera “area green” riservata all’attenzione all’ambiente. I docenti potranno mettersi alla prova e scoprire come insegnare ai ragazzi i principi della sostenibilità. Tutto nuovo anche un intero padiglione dove sarà costruita una vera e propria scuola del futuro. Gli insegnanti si trasformeranno in studenti, attraverseranno un vero e proprio tunnel temporale e impareranno a fare lezione in modo diverso, ripensando spazi e strumenti. La Fiera occuperà in totale cinque padiglioni, con una superficie espositiva di oltre 31 mila metri quadrati, a cui vanno ad aggiungersi le Sale dei Quartieri Monumentali del fortilizio ‘mediceo’: più dell’80% degli eventi formativi è già sold out. Ampio spazio, poi, sarà dedicato non solo alle startup, con il contributo dell’Università di Firenze, ma anche alla sostenibilità, con il coinvolgimento di imprese innovative attive nel campo dell’economia circolare, per un modello di scuola italiana sempre più “verde” che contribuisca, con l’innovazione della didattica e degli strumenti formativi, alla crescita di nuove generazioni, più consapevoli e protagoniste di un futuro sostenibile.

Saranno 82 i workshop immersivi che si svolgeranno in ambienti appositamente attrezzati nei tre piani del padiglione centrale (Padiglione Spadolini), a cui si affiancheranno 67 seminari. Un’area della manifestazione ospiterà inoltre i debate, condotti direttamente dagli studenti, dove i docenti potranno assistere direttamente a quella che è una attività didattica molto diffusa nelle scuole di oggi. In programma anche 10 convegni con ospiti internazionali, suddivisi per macro aree. Grazie a una collaborazione con gli editori, alcuni incontri affronteranno importanti tematiche: dai libri di testo agli obiettivi dell’inclusione, da “carta sei e carta tornerai” ai “contenuti” (in collaborazione con Associazione Nazionale Presidi), le “competenze” (esperti del mondo del lavoro), fino agli Istituti Tecnici Superiori 4.0 in collaborazione col Miur, le Steam e lo sviluppo sostenibile.

Questa terza edizione è organizzata da Firenze Fiera con il coordinamento scientifico di Indire, e con un comitato organizzatore composto anche da Miur, Regione Toscana, Comune di Firenze, Camera di Commercio di Firenze, Unioncamere, Didacta International, ITKAM e Destination Florence Convention & Visitors Bureau. Fra i partecipanti, numerose istituzioni nazionali ed internazionali, strutture scientifiche e culturali, università, scuole, associazioni, imprese, fondazioni e musei. Il Miur sarà presente con uno spazio espositivo di circa 500 metri quadri, più grande rispetto all’anno scorso.

“Il programma scientifico che viene proposto a Fiera Didacta Italia – ha spiegato il presidente di Indire, Giovanni Biondi – aumenterà notevolmente il numero delle occasioni formative per gli insegnanti, per i dirigenti scolastici e per tutti coloro che gravitano attorno ai temi dell’innovazione scolastica. Indire riproporrà anche in questa edizione i workshop immersivi in ambienti appositamente attrezzati, e organizzerà dei seminari e dei debate condotti dagli studenti. Infine, i convegni, molti dei quali con relatori di livello internazionale”. “Fiera Didacta Italia – ha aggiunto Wassilios E. Fthenakis, Presidente Onorario Didacta International – ha superato le nostre aspettative. È un evento di grande qualità. La terza edizione, stabilizzando la qualità, si concentrerà sulla relazione tra modelli di apprendimento analogici e digitali orientati alla modernizzazione del sistema educativo. Con un’attenzione particolare alle opportunità che il sistema digitale offre all’innovazione dei processi educativi”. “Le precedenti edizioni sono state un successo tale da confermarci quanto questa tipologia di evento fosse necessaria e quindi, per l’edizione che a breve prenderà avvio, Regione Toscana ha lavorato, anche in collaborazione con l’Ufficio scolastico per la Toscana, per offrire contenuti che siano di arricchimento non solo per i dirigenti scolastici ed i docenti, ma anche per coloro che si occupano di educazione, istruzione e formazione negli Enti Locali poiché, come sappiamo, le Amministrazioni rappresentano uno snodo importante all’interno del sistema scolastico”, ha dichiarato l’assessora regionale all’Istruzione Cristina Grieco. “Siamo orgogliosi di ospitare Didacta per il terzo anno consecutivo a Firenze – ha sottolineato l’assessore all’educazione del Comune di Firenze, Sara Funaro -. Questa fiera, la più importante del mondo della scuola, trasforma la nostra città nella capitale dell’innovazione: nei tre giorni di lavori, a cui partecipano dirigenti scolastici, insegnanti e professionisti del settore si gettano infatti le basi per il futuro della scuola italiana, che sarà sempre più digitale e tecnologica, come lo è la nuova scuola Dino Compagni appena inaugurata a Firenze”.

 

di: Valeria Strambi

da: www.repubblica.it

LINK