abcdmibacaln-300x208L’edizione 2013 di “ABCD”, il Salone Italiano dell’Educazione, dell’Orientamento e del Lavoro, in calendario alla Fiera del Mare del capoluogo ligure dal 13 al 15 novembre prossimi.

giunto al sua 10° appuntamento annuale – dedica uno spazio rilevante al MIUR, il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, con il coordinamento della Direzione Generale per gli Studi, la Statistica e i Sistemi Informativi, che porterà a Genova circa 200 docenti e Dirigenti impegnati nel Piano Nazionale Scuola Digitale, protagonisti nei loro ambienti di nuovi modi di fare scuola.

“ABCD” sarà teatro di una sorta di “passaggio di consegne” tra i primi protagonisti del Piano Nazionale Scuola Digitale, impegnati nell’azione “[email protected] 2.0″ e i nuovi attori del cambiamento assegnatari dei finanziamenti scaturiti dagli Accordi Stato-Regioni. Si prevede, a tal fine, un confronto mirato all’arricchimento e allo scambio del know-how maturato durante i primi anni di esperienza nella modifica degli ambienti di apprendimento attraverso le tecnologie.

Durante gli incontri [email protected] potrà avviarsi un momento di mutuo supporto tra pari, dal quale potranno scaturire eventuali iniziative per supportare il proprio livello di innovazione scolastica. I conduttori dei workshop di lavoro saranno i Docenti e i Dirigenti scolastici che hanno fatto da apripista nell’innovazione scolastica e nella ridefinizione degli ambienti di apprendimento.

Obiettivo esplicito è indicare delle esperienze di riferimento e attivare scambi di conoscenze che non si esauriscano con l’evento “ABCD” ma che, nelle forme permesse dall’autonomia scolastica, possano continuare nel tempo realizzando, per esempio, accordi di rete o tracciando percorsi di innovazione sostenibile per la didattica e l’organizzazione, replicabili da tutti gli istituti interessati.

Questo appuntamento a Genova fornirà anche l’occasione di instaurare un rapporto diretto con le aziende, che metteranno a loro disposizione le ultime novità del mondo education all’interno di aule tecnologiche, allestite ad hoc per gli attori delle azioni promosse dal MIUR.

 

Il MiBACT al Salone Italiano dell’Educazione, dell’Orientamento e del Lavoro di Genova – ABCD 2013.abcdmibacaln

Per la 10a edizione di “ABCD” il MiBACT, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo, attraverso la Direzione Generale per la Valorizzazione, conferma la partecipazione a “ABCD” con un proprio stand istituzionale dove presenterà percorsi di formazione e sperimentazione sviluppati sul territorio nazionale dai Servizi Educativi dei propri Istituti, anche con l’utilizzo dei linguaggi multimediali.

Le linee di indirizzo proposte dalla Direzione Generale per la Valorizzazione per il tramite del S’ed, il Centro di Coordinamento della Rete dei Servizi Educativi del MiBACT, volte a catturare le esigenze di un’utenza scolastica diversificata, aperta al confronto interculturale e all’accessibilità, riguardano quest’anno i “mestieri dell’arte”. Verranno allestiti e presentati per le scuole progetti didattici pertinenti alle professionalità operanti all’interno del comparto culturale, con laboratori dedicati, dove i ragazzi potranno fare e sperimentare.

Si vuole, attraverso un approccio “leggero” e ludico, offrire agli studenti saperi e indirizzi formativi, legati alla tradizione artistico-artigianale, alla diffusione delle nuove tecnologie applicate ai beni culturali e all’incremento delle azioni di valorizzazione turistico – territoriale. In sintesi, rendere sempre più attrattivo per i giovani il patrimonio culturale italiano e coinvolgerli sempre più sinergicamente in un processo di crescita, identificazione culturale e di cittadinanza attiva.

In quest’ottica nello stand MiBACT, verrà dedicato, per la prima volta, uno spazio che accoglierà anche le Scuole di Alta Formazione Specialistica, eccellenza del dicastero: OPD (Opificio delle Pietre Dure), ISCR (Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro) e ICRCPAL (Istituto Centrale per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario). per presentare ai giovani le prospettive professionali specifiche del settore, consolidando in questo modo il ruolo della cultura sia come risorsa da trasmettere e condividere socialmente, sia come volano di sostenibilità economica e possibile futuro comparto occupazionale per i giovani.

Tutte le proposte didattiche e le attività di laboratorio verranno presentate e realizzate dal Sistema dei Servizi Educativi, diffusi su tutto il territorio nazionale che costituiscono un “circuito” generatore di valori e di conoscenza collegato con i luoghi della cultura e gli ambiti sociali, e rappresentano un potenziale di condivisione delle risorse e di gestione della complessa realtà dei beni culturali.

 

di: Marcello Di Meglio

da: www.ligurianotizie.it