Senato - Fiducia Governo LettaGradualmente, a partire dal prossimo anno scolastico, i libri di testo diventeranno e-book.

Il ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca Maria Chiara Carrozza ha firmato il decreto ministeriale che sancisce tempi e modi del passaggio al digitale. Sempre dal 2014/2015 cambieranno anche i tetti di spesa per i testi, con un risparmio immediato del 10% per le famiglie degli alunni che frequenteranno le classi prime della secondaria di primo grado e le prime e le terze della secondaria di secondo grado, quelle in cui la dotazione libraria viene cambiata per intero risultando dunque più costosa. Il decreto contiene, nel suo allegato, anche linee guida sul libro del futuro che dovrà essere sempre meno di carta, ma soprattutto fruibile su tutti i supporti digitali (tablet, pc, lavagne interattive di produttori diversi), in modo da lasciare la massima libertà nell’acquisto a famiglie e insegnanti.

Il decreto prevede che dal 2014/2015, e per i successivi anni scolastici, i collegi dei docenti potranno adottare, «limitatamente alle nuove adozioni e non per le conferme di adozione», libri nella versione elettronica o mista (parte cartacea, parte multimediale). I software utilizzati per i libri digitali dovranno essere aperti e interoperabili, fruibili con la stessa qualità, cioè, su tutti i supporti elettronici, dai computer ai tablet, in commercio per lasciare liberta’ di scelta alle famiglie e ai docenti nell’acquisto. Nel caso di testi misti, la parte cartacea dovrà essere prodotta utilizzando materie prime di costo contenuto e con un occhio al peso complessivo del libro, favorendo i fascicoli rispetto ai tomi di molte pagine a patto di mantenere lo stesso prezzo di copertina.

 

da: www.italiaoggi.it