1737_300_200_oy_Cagliari_in_Provincia_taglio_ai_fondi_per_le_sagre_Lalberghiero_Azuni_avra_le_cucineL’alberghiero Azuni avrà le cucine.

La Provincia di Cagliari sceglie di garantire i servizi essenziali, tagliando i contributi che negli scorsi anni venivano concessi per le sagre e le feste paesane.E’ la linea adottata dal commissario straordinario Pietro Cadau, per fronteggiare una situazione sempre più complicata per i vincoli del patto di stabilità. Intanto l’istituto alberghiero Azuni avrà finalmente le cucine: approvato il progetto.

CAGLIARI – Il commissario straordinario Cadau ha scelto di garantire, anche in una fase di transizione come questa, i servizi essenziali rivolti ai cittadini, come la messa a norma degli edifici che ospitano le scuole superiori e la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade provinciali, a partire da quelle che necessitano degli interventi più urgenti. A questi provvedimenti, oltre che ai debiti fuori bilancio, è stato destinato l’incremento della capacità di spesa di circa 6 milioni di euro, derivante dall’allentamento dei vincoli del patto di stabilità disposto dalla Regione.

E sempre in materia di edilizia scolastica, sono stati approvati con delibera commissariale progetti esecutivi ed immediatamente cantierabili con cui si chiedono alla Regione, in base all’articolo 18 della legge nazionale 98 del 9 agosto 2013, i finanziamenti necessari per i primi interventi da realizzare negli istituti superiori di Cagliari e Provincia.

Si tratta della realizzazione di un laboratorio di cucina nella sede dell’istituto superiore Azuni, in via Is Maglias a Cagliari, per l’importo complessivo di 238.655,39 euro, dei lavori di messa in sicurezza e adeguamento dell’impianto elettrico dell’istituto tecnico per geometri, Bacaredda, sempre a Cagliari, per complessivi 450 mila euro, dei lavori di adeguamento alla normativa vigente dell’istituto tecnico industriale Scano di Monserrato, per circa 408mila euro e dei lavori di completamento e messa in sicurezza della zona sportiva di pertinenza dell’istituto tecnico commerciale Atzeni di Capoterra, per 350mila euro.

 

da: www.sardegnaoggi.it