/Editoria

Scuola: Confcommercio Terni denuncia vendita libri negli istituti

L’organismo di rappresentanza ricorda come tale pratica è espressamente vietata dalla legge. La vendita diretta dei libri nelle scuole da parte di rappresentanti editoriali, espressamente vietata dalla legge, sta diventando una pratica diffusa e preoccupante anche a Terni. Per questo motivo Confcommercio Terni ha denunciato il fenomeno agli Uffici scolastici Provinciale e Regionale, ai singoli dirigenti scolastici del territorio, al Comando della Polizia municipale di Terni e al Comando della Guardia di Finanza di Terni, in rappresentanza delle librerie e cartolibrerie associate, chiedendo interventi mirati ed efficaci. “Le librerie e le cartolibrerie – commenta il presidente di Confcommercio Terni, Stefano Lupi – rappresentano l’anello finale della catena distributiva, quello più [...]

By | 2018-06-20T10:47:56+00:00 giugno 20th, 2018|Didattica, Editoria, Eventi, Famiglia, Librerie, MIUR, News, Studenti|0 Comments

Quanti libri si pubblicano in un anno in Italia?

In Italia si legge sempre meno: il confronto è impietoso soprattutto con i paesi del Nord Europa. Ma quanti italiani leggono più di 12 libri l’anno? Quali sono i generi più apprezzati e gli editori più attivi? L’infografica “L’editoria in Italia: pesci grandi e piccoli in un mare di libri” realizzata da Minimegaprint, l’e-commerce per la stampa online, illustra tutti i numeri del mondo dell’editoria nel nostro paese. Che ha tre grandi protagonisti – gli editori, i libri e i lettori – e riserva molte sorprese. Almeno numericamente parlando. Tre categorie di editori Sono 1500 gli editori attivi in Italia, che pubblicano in media 50 opere l’anno. Se si va più a fondo [...]

By | 2018-05-23T15:01:50+00:00 maggio 23rd, 2018|Editoria, Eventi, MIUR, News, Recensioni, Scuole|0 Comments

Carta docente 500 euro annui, per la formazione pura si spende ancora poco

Dopo avere acquistato il computer, il tablet, diversi libri e accessori per la didattica, a tre anni di distanza dall’avvio della legge, i docenti italiani cominciano a pensare di utilizzare la card annuale da 500 euro annui per l’aggiornamento diretto. Ma investendo in corsi di formazione solo una parte del budget a loro disposizione. Gli investimenti per la formazione in servizio Come già scritto in altro articolo della Tecnica della Scuola, attraverso Il Sole 24 Ore del 21 maggio sono stati rese pubbliche le conseguenze pratiche del piano triennale di formazione dei prof, introdotto dalla Legge 107/15, rivolto ai docenti di ruolo e coerente con il piano dell’offerta [...]

Digitalizzazione, Italia quartultima in Europa. Ma il vero dramma sono le competenze

Nonostante i grandi sforzi e qualche miglioramento tangibile l’Italia resta ferma al 25° posto fra i 28 Stati membri dell’UE, nella classifica DESI che misura l’Indice di digitalizzazione dell’economia e della società. Peggio di noi ci sono soltanto Bulgaria, Grecia e Romania. Cinque le categoria analizzate: connettività, dove siamo 26esimi, peggiorando rispetto al 2017, capitale umano, 25esimi, uso dei servizi internet, penultima posizione, integrazione delle tecnologie digitali 20esimi, e servizi pubblici digitali 19esimi.  Qualche segnale di progresso, comunque, c’è stato con l’integrazione delle tecnologie digitali e i servizi pubblici digitali, ma la sfida principale, rappresentata dalla carenza di competenze digitali, non è stata ancora vinta. Nonostante il governo italiano abbia adottato alcuni provvedimenti, la Strategia per la crescita digitale 2014-2023 e la Strategia per la Banda Ultralarga nel marzo 2015 le misure [...]

RIZZOLI EDUCATION – NOVITÀ SECONDO GRADO

Novità 2018 - Discorsi in corso è il nuovo corso di italiano grammatica realizzato da Fabbri Editori in collaborazione con Erickson per la scuola secondaria di secondo grado. Il volume propone una trattazione teorica chiara e ben scandita in sezioni, unità e capitoli, con paragrafi brevi e ricchi di esempi tratti dall’uso linguistico. L’apparato didattico è ricco e costituito da numerosi esercizi di diverse tipologie, graduati su tre livelli di difficoltà. Gli ausili visivi accompagnano costantemente la trattazione teorica: la Lavagna dell’unità anticipa visivamente i contenuti principali dell’unità, le tabelle e le mappe aiutano a chiarire e memorizzare i contenuti. È presente una batteria di esercizi contraddistinti dalle etichette [...]

Prenota la tua copia gratuita del volume “Le novità della prova INVALSI e dell’Esame di Stato”!

Il volume della collana Strategie Didattiche Le novità della prova INVALSI e dell’Esame di Stato, destinato ai docenti della scuola secondaria di primo grado, è disponibile! Prenota subito la tua copia gratuita. Il volume, ricco di indicazioni operative sulle attività didattiche da svolgere in classe e sulla costruzione delle prove d’esame, offre una visione completa dei cambiamenti alle modalità di svolgimento dell’esame di Stato conclusivo del primo ciclo e a quelle di realizzazione delle prove INVALSI, con riferimenti sia alle norme primarie sia alle note ministeriali che le hanno accompagnate. PRENOTA LA TUA COPIA GRATUITA

Una nuova casa per cinquemila testi in braille

Leggere è un piacere che dovrebbe essere a disposizione di tutti, anche di chi non vede. A Torino esistono 5000 volumi scritti in braille, alcuni anche dell’Ottocento. Testi unici, antichi, anche molte partiture musicali che non hanno copia. Un tesoro che l’Apri – Associazione Pro Retinopatici e Ipovedenti – spera di riportare a galla riaprendo la Biblioteca Regionale Braille chiusa dal 2013. La presentazione sarà venerdì 4 maggio alle 16, presso la sede operativa in via Nizza 151. […]

By | 2018-05-04T11:21:19+00:00 maggio 4th, 2018|Didattica, Editoria, Insegnanti, News, Recensioni, Scuole|0 Comments

Abolire le tecnologie a Scuola, perché sbagliano i nuovi conservatori

Sta emergendo una corrente di pensiero contraria all’uso di tecnologie a scuola. Si appoggia a ricerche e studi, che però tende a travisare o assolutizzare. Dimenticando che molte delle metodologie didattiche innovative hanno avuto bisogno di “nuove tecnologie” per potere esprimere il loro potenziale. Ecco perché. leggere i giornali anche quelli “scolastici” sembra che l’utilizzo delle tecnologie a scuola rappresenti un vero e proprio “nemico” da combattere. Ogni giorno appaiono proclami, manifesti, articoli sul giornale contro l’uso delle ICT a scuola. Ultimo ma solo in ordine di tempo il contro-decalogo di Antonio Calvani al quale Tuttoscuola ha dato risalto. Se non fosse che si tratta di Calvani, il padre dell’utilizzo degli [...]

Stereotipi: nei libri di scuola uomini cavalieri e scienziati, donne casalinghe, maestre o streghe. E il Sole picchia la Luna

Irene Biemmi in Educazione sessista passa in rassegna i testi per le elementari di dieci case editrici. Il 59% dei protagonisti è maschio e le professioni a loro attribuite sono 50, contro le 15 svolte dalle donne. Quasi un personaggio femminile su 4 è definito solo dal ruolo di madre. E quelle che non cucinano vengono criticate. Gli uomini dal canto loro sono “condannati a impegni e responsabilità che non tutti vogliono”  Bambine vanitose e servizievoli, bambini dispettosi e coraggiosi. Papà in poltrona a guardare la tv aspettando che la cena sia in tavola. Mamme casalinghe, intente a curare le piante e stirare. Quando lavorano fuori casa sono per lo più maestre. Ma abbondano anche le streghe, [...]

Formazione docenti, come deve cambiare per il futuro della Scuola

Occorre una formazione, non più obbligatoria, che faccia leva sulle motivazioni di base dei docenti e sulla voglia di crescita finalizzata ad acquisire nuove competenze spendibili in maniera pratica ed efficiente nei loro percorsi di insegnamento e di crescita professionale. Ecco tre modi per riuscirci. a formazione in servizio per i docenti è divenuta fondamentale per restare sempre collegati alle nuove sfide che la scuola riserva ogni giorno ai professionisti del settore. La legge 107 del 2015 (quella sulla “Buona Scuola”) definisce la formazione del personale della scuola come “obbligatoria, permanente e strategica”, purché non resti l’idea sbagliata di una formazione come mero “aggiornamento” e non come valore aggiunto al percorso professionalizzante [...]