/Formazione

Webinar – La prima prova nel nuovo esame di Stato

La prima prova nel nuovo esame di Stato Angelo Roncoroni – martedì 15 gennaio 2019, ore 16.30 SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO La prima prova consiste nella redazione di un elaborato con differenti tipologie testuali in ambito artistico, letterario, filosofico, scientifico, storico, sociale, economico e tecnologico. Prevede la possibilità di scegliere tra sette tracce e tre tipologie: analisi e interpretazione di un testo letterario italiano, analisi e produzione di un testo argomentativo e una riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità. La novità più rilevante è la scomparsa del saggio breve-articolo di giornale, sostituito dalle tracce di tipologia B, intesa come prova di argomentazione. Le tipologie A e C corrispondono invece, [...]

By |2019-01-15T09:26:48+00:00Gennaio 15th, 2019|Didattica, Formazione, Insegnanti, Mondadori Education, News, Recensioni|0 Comments

Scuola digitale, esperti in allarme: «Mancano i fondi, rischio paralisi»

«Dal governo solo 35 milioni, contro i 250 previsti dal Piano Nazionale». In ritardo banda larga e formazione dei docenti. Ma il sottosegretario Giuliano assicura: «Le risorse ci sono. L’innovazione è una priorità del governo, a partire dalla scuola». Vade retro digitale? Ufficialmente no, ma la freddezza del governo sul tema preoccupa gli esperti. Come Paolo Ferri, docente di teoria e tecnica dei nuovi media all’università Bicocca di Milano, che ha lanciato l’allarme su Agendadigitale.eu: «Un solo provvedimento e pochi investimenti», riassume il docente, secondo il quale la crociata lanciata dal precedente governo per digitalizzare la scuola italiana e recuperare terreno in Europa si sarebbe arenata. «Non solo il digitale [...]

Scopri tutti gli appuntamenti dei Webinar Rizzoli

Rizzoli Education propone un’ampia varietà di webinar – seminari online gratuiti e interattivi – dedicati alle tematiche più attuali e importanti per l’insegnamento e l’apprendimento, come la costruzione e la valutazione per competenze, l’alternanza scuola lavoro, la didattica della matematica, la cittadinanza digitale, il metodo di studio e molto altro! Ogni webinar prevede il rilascio di un attestato di partecipazione. […]

Iscrizioni a scuola, uno studente su tre è ancora indeciso

Il 7 gennaio aprono le iscrizioni alle prime classe di elementari, medie e superiori, in anticipo rispetto allo scorso anno. Ma gli studenti (e le loro famiglie) non hanno ancora le idee chiare: lo rivela un sondaggio di Skuola.net. Si aprono lunedì le iscrizioni alle prime classe di primaria, secondaria di primo grado e di secondo grado. Un momento delicatissimo, quello della scelta, che sta mettendo in crisi moltissime famiglie, e soprattutto tantissimi studenti di terza media, alle prese con la decisione sull’istituto superiore a cui consegnare i propri sforzi nei prossimi cinque anni, in vista della costruzione di un futuro professionale. Secondo un sondaggio di Skuola.net, realizzato su 4 [...]

By |2019-01-09T10:12:15+00:00Gennaio 9th, 2019|Didattica, Famiglia, Formazione, Insegnanti, News, Scuole, Studenti|0 Comments

Scuola. Tempo di iscrizioni. Ecco perché scegliere il liceo classico

Scuola, quasi uno studente su due è indeciso sulle superiori. Il sondaggio di Skuola.net e Radio24. Al via il 7 gennaio le iscrizioni alle prime classi di ogni ordine di scuola. E quasi la metà dei ragazzi chiamati a scegliere la scuola secondaria di secondo grado (il 44%) non ha ancora le idee chiare. È quanto emerge dalla ricerca effettuata su quattromila studenti di scuola secondaria di primo grado (la cosiddetta terza media), condotta da Skuola.net, in collaborazione con Radio24. L’anno scorso, quando le iscrizioni il dato degli indecisi si fermava al 36%. Per quanto riguarda l’orientamento, sembrano migliorare le attività organizzate dalle scuole: quasi 9 studenti su 10 (l’87%) hanno partecipato a incontri [...]

By |2019-01-04T15:41:56+00:00Gennaio 4th, 2019|Didattica, Famiglia, Formazione, News, Scuole, Studenti, Università|0 Comments

Bussetti: scuola può educare i giovani all’uso dei social

Il Ministro Bussetti è intervenuto sull’uso dei social da parte dei giovani e sul ruolo della scuola scuola al riguardo. Uso social Bussetti, come riferisce l’Ansa, afferma che i giovani possono fare un uso positivo dei social se riescono a gestirlo con buonsenso. Ruolo della scuola Un ruolo importante, prosegue il Ministro, può svolgere la scuola guidando i giovani e rendendoli consapevoli del fatto che talvolta i social  “deformano la realtà e anche le relazioni: dico ai ragazzi ‘guardatevi negli occhi’, è importante relazionarsi”. Il titolare dell’istruzione confessa che, prima di diventare il Ministro, non utilizzava quasi mai il profilo FB: “forse ho postato una canzone di Vasco Rossi”. [...]

By |2018-12-21T08:19:33+00:00Dicembre 21st, 2018|Didattica, Formazione, Insegnanti, MIUR, News, Recensioni, Scuole, Studenti, Tecnologia|0 Comments

Che fare se la Scuola ha il terrore del digitale

Il digitale è una bestia ostica e un pericolo per la Scuola, per il suo attuale assetto organizzativo, culturale e didattico. Perché scardina schemi e idee dogmatiche e impone il coraggio di un cambiamento radicale, basato su zone franche e nuove logiche di apertura. Ecco dove intervenire per evitarne il rigetto tout court. Collocare il tema del digitale all’interno del dibattito sull’apertura e l’autonomia della scuola è oggi quanto mai opportuno anche alla luce di quanto emerso dall’ultimo Rapporto Censis, secondo cui “la scuola, la formazione, lo sviluppo del capitale umano ancora una volta sono ambiti di intervento scomparsi dalle priorità dell’agenda politica, coperti dal cono d’ombra di altre priorità [...]

Autonomia scolastica: perché è indispensabile ? Parliamone

L’unica via per la ripresa della scuola italiana. Decentramento e autonomia danno risultati migliori. In Italia, dopo la stagione berlingueriana si è sclerotizzata fino a morire. 1.   Parlare di autonomia scolastica oggi sembrerebbe – dice la freddura – come vendere frigoriferi al polo nord ! Ma la rivista per presidi “Dirigere scuole” ci ha provato con il suo ultimo quaderno “L’autonomia incompiuta: bilanci e suggestioni per il futuro della scuola”. E’ un po’ la speranza di una ventata di riflessione che attraversi il mondo dell’istruzione, dove l’abnegazione quotidiana di molti docenti e presidi viene quotidianamente mortificata dalle forze legate al centralismo, alla conservazione, alla confusione organizzativa ed oggi alla mania di abrogare. Un centralismo [...]

By |2018-12-17T08:57:25+00:00Dicembre 17th, 2018|Didattica, Formazione, Insegnanti, News, Recensioni, Scuole, Studenti|0 Comments

Scuola, le ultime riforme totem intoccabili

Scuola, gli ultimi dieci anni sono stati caratterizzati da processi che hanno guardato sempre avanti Mai un ripensamento, un ritorno a profili scolastici vincenti. E’ il trionfo del nuovismo a tutti i costi. L’unica concessione è la “strategia del cacciavite”. In altri termini, la paralisi! Scuola le riforme degli ultimi dieci anni La scuola ha vissuto un decennio terribile. Gli effetti sono stati devastanti. L’istituzione scolastica assomiglia sempre più a un pugile che messo all’angolo tenta di difendersi come può dall’attacco dell’avversario. Fuori di metafora l’avversario della scuola si chiama liberismo, sostenuto dal centro-destra e successivamente dalla sinistra. In sintesi, per i sostenitori del “turbocapitalismo” la scuola rappresenta un costo [...]

By |2018-12-10T16:44:36+00:00Dicembre 10th, 2018|Didattica, Formazione, Leggi, MIUR, News, Politica, Recensioni, Scuole, Tecnologia|0 Comments

Bambini online: quanto stanno con lo smartphone in mano (e quanto dovrebbero)

Ci si potrà stupire che i bambini delle primarie siano in rete per sette ore al giorno, tra giorni feriali e festivi. Ma anche i genitori hanno le loro responsbilità dal momento che mettono in mano uno smartphone o un tablet ai loro figli fin dal primo anno di vita. Diciamo che quella rappresenta l’età minima in cui un bimbo si trova davanti uno schermo digitale, ma quella media non sale di molto: due anni e mezzo. A parziale compensazione il 70% dei bambini non possiede il cellulare. Sono dati di certo parziali, ma sono indicativi della pervasività del digitale tra i più giovani. I numeri li fa la ricerca [...]