/MIUR

Perché l’informatica non deve mandare al macero la scuola (ma va insegnata)

The Game di Alessandro Baricco ha rappresentato una novità nella discussione dei risvolti umani dell’informatica in Italia ma le previsioni di una scuola che andrà al macero lasciano un po’ perplessi, Vediamo perché. La pubblicazione di The Game di Alessandro Baricco ha offerto nuovi spunti al dibattito sulla necessità di ripensare la scuola nell’era dell’informatica. La scuola, secondo lo scrittore, è in letargo rispetto all’era del digitale e tutte le sue strutture fondanti – dagli insegnanti alle materie insegnate – andranno al macero appena sarà rinnovata. Simili previsioni non sono propriamente una novità e a dirla tutta suscitano più di una perplessità. I cambiamenti, certo, sono necessari, ma l’importanza della scuola, forse, risiede proprio nell’essere [...]

By |2019-02-19T17:46:30+00:00Febbraio 19th, 2019|Didattica, Famiglia, Insegnanti, MIUR, News, Scuola Digitale, Scuole, Studenti, Tecnologia|0 Comments

Scuola: corso di esorcismo rimosso da portale Sofia, non è per docenti

Lo ha comunicato l’Ateneo pontificio Regina Apostolorum, dopo la polemica esplosa nei giorni scorsi, spiegando che si è trattato di un errore e precisando che si terrà comunque regolarmente presso la sede dell’Università L’ateneo pontificio Regina Apostolorum ha reso noto che il “Corso su esorcismo e preghiera di liberazione non è dedicato ad insegnanti di scuola di primo e secondo grado pertanto è stato rimosso dal portale di Sofia”, la piattaforma di formazione per professori. Il corso era stato ieri al centro di polemiche politiche relative all’opportunità di inserire un argomento così particolare nella formazione dei docenti. L’ateneo precisa che il corso si terrà regolarmente dal 6 all’11 maggio presso la sede dell’università pontificia. “Quindi [...]

Perché si torna a parlare della scuola senza bocciature: ora la palla passa alla politica

Perché si torna a parlare della scuola senza bocciature: ora la palla passa alla politica „La proposta per eliminare le bocciature nelle scuole superiori a breve sarà inviata ai gruppi parlamentari e alle commissioni cultura di Camera e Senato: il nuovo modello prevede corsi per materie al posto delle classi. Le reazioni? Per ora molto positive. Perché si torna a parlare della scuola senza bocciature: ora la palla passa alla politica e ne parla nuovamente, sul serio e con argomenti più che fondati. La proposta per eliminare le bocciature negli istituti superiori presto sarà inviata ai gruppi parlamentari e alle commissioni cultura di Camera e Senato. Promotore è il Gruppo di Firenze, un’organizzazione fondata nel 2005 [...]

By |2019-02-14T16:21:53+00:00Febbraio 14th, 2019|Didattica, Famiglia, Insegnanti, MIUR, News, Recensioni, Scuole Superiori, Studenti|0 Comments

Per quale motivo non a tutti i ragazzi piace andare a scuola? Lettera

Mario Bocola – Per quale motivo non a tutti i ragazzi piace andare a scuola? Quali sono i punti deboli della scuola? Tutto dipende dalla qualità dell’insegnamento. Oggi i ragazzi rifiutano nettamente il metodo della lezione frontale perché non sono più abituati all’ascolto attivo e sono sollecitati e distratti da mille situazioni. Eppure saper ascoltare è una delle quattro abilità che un alunno dovrebbe possedere. Oltre all’ascolto si vanno sempre di più diffondendo i casi di ipercinetismo, ossia gli studenti che si muovono continuamente, che non sanno stare seduti nel banco, anche quando devono leggere, scrivere, prendere l’assegno sul diario. Un continuo e incessante moto del corpo, degli arti inferiori. [...]

By |2019-02-13T15:21:57+00:00Febbraio 13th, 2019|Didattica, Insegnanti, MIUR, News, Recensioni, Scuole, Studenti|0 Comments

Webinar – Il nuovo Esame di Stato – La prima prova scritta – con Patrizia Becherini

Un’analisi puntuale e una riflessione sulle tipologie, la struttura e gli obiettivi della prima prova scritta del nuovo esame di Stato. Nella normativa ministeriale si pone molta attenzione alle capacità di comprensione del candidato e alla capacità di riflettere criticamente, utilizzando in modo appropriato e pertinente la lingua italiana e le proprie conoscenze; sarà dunque focalizzata nei suoi vari aspetti la capacità di comprendere e di argomentare. Le tre tipologie A B e C saranno illustrate nel dettaglio, con particolare attenzione alle discipline di Italiano e di Storia. LA RELATRICE Patrizia Becherini è docente di Italiano, Storia e Scienze umane presso l’Istituto di Istruzione Superiore “Carducci-Volta-Pacinotti” di Piombino. Ha svolto anche attività di formatrice sulla didattica per [...]

Bussetti: «Non sono antimeridionale Ma sulla scuola è sbagliato chiedere soltanto risorse»

Il ministro: tra i miei collaboratori anche napoletani e calabresi. A distanza di qualche ora, e dopo centinaia di messaggi, si è reso conto di aver commesso una «leggerezza». E a sua giustificazione il ministro Marco Bussetti spiega le circostanze della video intervista che lo ha messo nel mirino: «Mi stava addosso quella giornalista, insisteva, mi ha messo il microfono in bocca». Ma ammette: «Risentendola ho capito che sì, è vero, il tono era infastidito, ma più per la situazione che per quello che mi chiedeva. Non ce l’ho coi meridionali. È come la polemica sulla parità di genere: non la capisco, io non vedo uomini o donne, ma persone», giura. [...]

PON, modifica termini realizzazione moduli autorizzati: no autorizzazione, la effettuano le scuole

Il Miur, con nota n. 2716 del 31 gennaio 2019, ha fornito indicazioni in merito alla modifica dei termini di realizzazione (ricalendarizzazione) delle attività dei moduli PON già autorizzati. Modifica termini realizzazione moduli autorizzati: Il Miur precisa che per la modifica dei termini di realizzazione (ricalendarizzazione) delle attività non è necessaria alcuna autorizzazione da parte dell’Autorità di Gestione, in quanto le stesse scuole possono autonomamente apportare le modifiche. La precisazione si è resa necessaria in seguito alle richieste di proroga, avanzata da alcune scuole, con scadenze rientranti all’interno del periodo previsto dall’autorizzazione. […]

By |2019-02-08T09:26:40+00:00Febbraio 8th, 2019|Didattica, Formazione, Insegnanti, MIUR, News, Scuola Digitale, Studenti, Tecnologia|0 Comments

2019, fuga da scuola: soldi ai prof che non lasciano l’insegnamento

L’iniziativa del governo britannico per fermare l’emorragia di docenti: bonus di 5.000 sterline ai docenti che insegnano per almeno tre anni di fila. Incentivi ai professori se rimangono al loro posto. È questa la strategia lanciata dal governo inglese per cercare di arginare l’emorragia di docenti, di cui la Gran Bretagna soffre ormai da qualche anno. Il numero degli insegnanti che cominciano il percorso di preparazione alla docenza nelle scuole primarie e secondarie è in diminuzione costante da almeno sei anni e a settembre era del 17 per cento inferiore all’anno precedente. Mancano soprattutto i prof di materie tecniche, come ad esempio fisica, chimica e informatica, tanto che spesso in [...]

By |2019-02-06T18:28:54+00:00Febbraio 6th, 2019|Didattica, Estero, Eventi, Insegnanti, MIUR, News, Politica, Recensioni, Scuole|0 Comments

Scuola digitale, il Miur mette 2 milioni di euro per le aree a rischio

Ciascuna scuola riceverà 35mila euro per la realizzazione di laboratori e 30mila euro per la formazione del personale scolastico alla didattica innovativa. Saranno 57.000 gli alunni coinvolti e 6.500 i docenti che beneficeranno della formazione Il Miur ha individuato le 60 scuole situate in aree a rischio alle quali saranno destinati più di 2 milioni di euro per la creazione di ambienti digitali di apprendimento, soprattutto a partire dalla scuola primaria e secondaria di primo grado. Le risorse erano state messe a disposizione con il decreto per la didattica digitale firmato lo scorso novembre dal Ministro Marco Bussetti. […]

By |2019-02-06T18:23:06+00:00Febbraio 6th, 2019|Didattica, Eventi, Insegnanti, MIUR, News, Scuola Digitale, Tecnologia|0 Comments

La Riforma degli Istituti Professionali Il rilancio dell’istruzione professionale

LE LINEE GUIDA DELLA RIFORMA Il 13 aprile 2017 è entrato in vigore il Decreto legislativo n.61 sulla Riforma degli Istituti Professionali. Tante le novità introdotte: innanzitutto vi è una riorganizzazione degli indirizzi, delle articolazioni e delle opzioni dell’istruzione professionale. Gli indirizzi diventano così 11 e si legano strettamente alle esigenze del territorio. Il nuovo modello formativo è improntato sul principio della personalizzazione e della flessibilità dei percorsi di apprendimento per corrispondere alle diverse attitudini degli studenti. LE UDA Uno dei punti salienti riguarda la tendenza all’aggregazione delle discipline in assi culturali, che favorisce un lavoro sinergico di più docenti, una migliore progettazione interdisciplinare dei percorsi didattici e una metodologia induttiva ed esperienziale. Per [...]