Invalsi, la radiografia della scuola oggi è chiara. Ma a chi tocca la cura?

Ancora una volta l’Invalsi ha fotografato il nostro sistema d’istruzione, facendo una radiografia della situazione che non lascia spazio a molte interpretazioni. Nel corso dell’itinerario scolastico, i risultati in italiano e in matematica dal grado 2 al grado 13 (dalla seconda elementare alla quinta superiore) e in inglese dal grado 5 al grado 13 (dalla quinta elementare alla quinta superiore) calano progressivamente dal Nord al Sud. Nella scuola primaria le differenze tra le macro-aree sono piccole e in generale non significative statisticamente. In terza media, invece, i punteggi medi delle macro-aree tendono a divergere significativamente tra loro, tendenza che si consolida ulteriormente nella scuola superiore, riproducendo il quadro che emerge anche dall’indagine internazionale Pisa (Programme for International Student [...]

By |2019-07-11T16:03:08+00:00Luglio 11th, 2019|Didattica, INVALSI, MIUR, News, Scuole, Studenti|0 Comments

La Musica e l’Arte, così il Maestro Daniele Pasini ha rivoluzionato il modo di insegnare a scuola

Abbiamo già parlato del Metodo MusicArte del Maestro Daniele Pasini, un insegnante che è riuscito nel complicato intento di coniugare musica e numeri. Il suo manuale “MusicArte – Musica Arte e Immagine nella scuola primaria”, autoprodotto, è una sorta di viaggio avventuroso per bambini, un percorso duro per un adulto, ma non per i piccoli della primaria. Il lavoro proposto dal maestro Pasini è andato avanti con un secondo manuale pratico. Si tratta di Ear Training and Eye Training: tabelle di allenamento. Si tratta di un manuale estremamente interessante in cui si prosegue, certamente, il lavoro iniziato con il primo volume, ma che si arricchisce proprio con la parte di esercizi. [...]

By |2019-07-10T06:26:04+00:00Luglio 10th, 2019|Cagliari, Didattica, Eventi, Formazione, Insegnanti, News, Scuole, Studenti|0 Comments

L’ora di innovazione per cambiare la scuola dal basso: ecco perché è importante

I processi di innovazione consentono di sviluppare un ampio insieme di Life Skill ma, soprattutto, consentono ai ragazzi di convincersi che possono determinare il loro futuro e quello degli altri a partire esclusivamente da una loro idea, una loro vision. Per questo a scuola si dovrebbe introdurre l’ora di innovazione. i fronte a una scuola che troppo spesso non è nelle condizioni di formare le competenze necessarie per il mondo del lavoro e di trovare una vision condivisa sul digitale – che parta dalla dirigenza e arrivi a incentivare i docenti – sarebbe utile introdurre l’ora di innovazione, per provare a spingere il cambiamento dal basso. Le tecnologie digitali, del resto, potrebbero avere un ruolo [...]

By |2019-07-04T16:49:26+00:00Luglio 4th, 2019|Didattica, Formazione, Insegnanti, MIUR, News, Recensioni, Scuole, Studenti, Tecnologia|0 Comments

Concorso presidi, il granello di sabbia e i tremila vincitori beffati

Nel mega-ricorso si contestava un po’ di tutto. Il Tar ha detto no a dieci rilievi su undici. Ma i tre commissari in conflitto di interessi hanno permesso di annullare tutta la procedura. Mettiamoci nei loro panni. Dopo anni di onorato servizio nella scuola, avevano deciso di rimettersi sui banchi a studiare per passare in plancia di comando: diventare presidi. Per mesi hanno letto e sottolineato libri e dispense, a volte anche frequentato costosi corsi di formazione, preso aspettative, treni e aerei, dormito in hotel la notte prima dell’esame e ora, a un passo dall’agognato traguardo, dopo aver speso tanto tempo e soldi, se lo vedono sfilare così. Per un’imperdonabile [...]

By |2019-07-04T16:38:15+00:00Luglio 4th, 2019|Eventi, Insegnanti, MIUR, News, Politica, Recensioni, Scuole|0 Comments

Concorso presidi, Tar del Lazio annulla lo scritto. Cgil: “Per la scuola è un disastro”

Claudio Furlan / lapresse19-06-2018 MilanoEsami di maturità , studenti del Liceo Linguistico Manzoni affrontano la prima provaNella foto: gli studenti durante la prima prova Al concorso hanno partecipato 15 mila persone, 9600 hanno superato le prove preselettive, 3800 gli scritti, gli orali erano in via di conclusione. I posti sono circa 2900. Il Tar del Lazio ha annullato lo scritto dell’ultimo concorso per i presidi. Da quanto si apprende da fonti Miur, il ministero con l’Avvocatura dello Stato intende presentare ricorso al Consiglio di Stato. Il tribunale, in particolare, ha accolto il ricorso sulla base di una censura giudicata infondata dai tecnici del ministero: non sussistevano, secondo il dicastero, i presupposti [...]

By |2019-07-04T05:11:07+00:00Luglio 4th, 2019|Didattica, Eventi, Formazione, Insegnanti, MIUR, News, Recensioni, Scuole|0 Comments

Una scuola nuova per una nuova società: ecco tutto quello che va cambiato

L’attuale modello di scuola era già vecchio il secolo scorso. Forma i cittadini del passato, non quelli della società attuale o di quella futura, in cui dovranno operare. Ma non basta introdurre le tecnologie per migliorare il sistema: bisogna mettere tutto in discussione dalle finalità della scuola alle aule. Ecco perché. Nell’era digitale, non basta introdurre le tecnologie ICT nella scuola per migliorare il sistema educativo, ma c’è bisogno di una scuola nuova per costruire una nuova società.E la scuola nuova deve cominciare a mettere tutto in discussione, dalle finalità della scuola al modello di apprendimento, al ruolo degli insegnanti, fino alle stesse aule in cui si svolgono le lezioni e alla [...]

Carta docente, Consiglio di Stato: no Ata ed educatori. La replica: allora mettiamola nello stipendio con Fis e bonus

Niente card annuale da 500 euro per gli educatori. E nemmeno per il personale Ata. La decisione, già presente nella Legge 107/15, è stata ribadita dal Consiglio di Stato. Eppure gli educatori sono docenti Prima con una sentenza di inizio maggio, il 9, perché, sostengono i giudici, l’educatore che opera nei convitti “non ha titolo per invocare il riconoscimento in proprio favore della carta del docente, in quanto non è richiesto ad essi (…) l’obbligo di formazione aggiuntivo rispetto al PTOF” che invece sarebbe previsto solo per i docenti in base al comma 121 della L.107/2015″. Solo che gli educatori sono docenti a tutti gli effetti, della scuola primaria per [...]

Nuova maturità, non basta il colloquio fatto di buste per rompere col passato

È andata bene sul piano della semplificazione, ma permane l’incertezza nel dirigere la barra da parte di chi, nelle stanze più alte, sceglie le direzioni di sviluppo della scuola. La nuova maturità sta per concludere il suo debutto e a caldo (molto, troppo caldo) se ne può tentare un primo bilancio. È andata bene, molto bene sul piano della semplificazione e del definitivo congedo da quegli arnesi didattici che la ventennale usura aveva reso ormai inservibili: la terza prova e la tesina. È andata male per il permanere di un’aura retorica che circonda l’esame e per l’incertezza nel dirigere la barra da parte di chi, nelle stanze più alte, sceglie le direzioni [...]

Pronto un disegno di legge in parlamento per ridurre il taglio del prezzo di copertina. Prevista anche una card a sostegno degli acquisti di libri

Novità in vista per l’editoria italiana. Entro la metà di luglio approderà in Parlamento la discussione del Piano nazionale d’azione per la promozione della lettura, una serie di interventi per cui saranno messi a disposizione 3,5 milioni di euro per difendere il sistema culturale, sostenere la lettura e la diffusione dei libri. Contro i prezzi dei siti di ecommerce il testo propone l’imposizione di un nuovo tetto per gli sconti al 5% del prezzo. Il testo, composto di tredici articoli, è in sostanza una modifica alla normativa attuale, che oggi prevede un tetto del 15% di sconto sui libri venduti sia in libreria sia su internet. Con la nuova proposta quella soglia viene abbassata al 5%, con la sola eccezione dei libri di testo adottati dalle istituzioni scolastiche, che restano scontabili [...]

By |2019-06-27T15:06:34+00:00Giugno 27th, 2019|AIE, Didattica, Editoria, Insegnanti, Leggi, MIUR, News, Recensioni, Scuole, Studenti|0 Comments

Intelligenza artificiale e lavoro. Sveglia! I falsi miti sono crollati

I falsi miti sono 4. Ecco svelato il primo: scuola e università. La storia dei falsi miti non ci può più appartenere. Siamo stati abituati a riporre nelle quattro colonne della società la nostra fede, le nostre speranze e le nostre responsabilità tanto quanto le nostre insoddisfazioni e frustrazioni: la Scuola, il Governo, l’Azienda e la Famiglia. Non possiamo appoggiarci su questi vecchi pilastri oramai barcollanti, se non vogliamo finire schiacciati sotto le macerie del terremoto digitale. Scuola e Università: primo falso mito. Il cinquanta percento dei lavori che oggi esistono, nei prossimi venticinque anni non ci sarà più e già oggi molte professioni stanno scomparendo. Probabilmente una considerazione scontata di [...]